Shaft in acciaio ultralite

A onor del vero questo aspetto è relativamente nuovo in quanto oramai da svariati anni la nota ditta True Temper (la più importante azienda a livello mondiale produttrice di shafts in acciaio) realizza shafts Ultralight, cioè di peso variabile fra i 90 ai 100 grammi. Indubbiamente questo fattore aveva lo scopo di avvicinarsi alle caratteristiche di peso degli shafts in composito di carbonio mantenendo inalterate le qualità di grande uniformità dell’acciaio. Purtroppo questo alleggerimento ha portato ad alcuni inconvenienti. Era chiaro che una diminuzione di peso, e quindi dello spessore, avrebbe portato anche una minore “resistenza meccanica”. Per compensare questo inconveniente si è dovuto ricorrere ad un diverso grado di tempera dell’acciaio, con il risultato che questo ha acquistato si una maggiore durezza, ma si sono anche moltiplicate le vibrazioni secondarie dello shaft (è divenuto cioè più armonico). Questo fatto ha creato in una buona parte di golfisti, inconvenienti fisici di non poco conto: tendiniti di vario tipo al gomito, alle fasce muscolari delle spalle e, non ultimi, inconvenienti alla schiena. Non solo, ma alcuni shafts di origine giapponese, dei quali è stata fatta molta pubblicità, sono risultati estremamente deleteri in questo senso. Senza niente togliere all’importanza dell’avere bastoni più leggeri agli effetti dello stress di gioco, è fuori dubbio che dovendo montare shafts di questo tipo dovremmo avere almeno l’accortezza di inserire all’interno un antivibrazione.
Va anche considerato, a onor del vero, che uno dei vantaggi di avere shafts in acciaio è proprio una maggiore omogeneità nel set e una maggiore solidità di impatto dovuta proprio al peso. Quindi non si capisce molto bene questa tendenza.
La cosa sorprendente è che negli shafts in composito di carbonio si è avuta invece una controtendenza. La maggiore azienda mondiale produttrice di shafts in composito, che è l’ALDILA, in questi ultimi 2/3 anni, grazie anche ad un’innovativa tecnologia che ha consentito di portare gli shafts da i tradizionali 7/8 strati a 20, ha messo a punto shafts per ferri che vanno da 85 a 130 grammi (molto più pesanti dei tradizionali in composito). I vantaggi di questi shafts sono indiscutibili: stessa omogeneità dell’acciaio, stesso grado di torsione, assenza quasi totale di vibrazioni secondarie, stesso o addirittura maggiore solidità di impatto in quanto costruttivamente il peso è stato spostato più verso il tip, mantenendo inalterato il punto di flessione. Certamente questi shafts prenderanno a tutto titolo il posto dell’acciaio, anche per professionisti o giocatori molto potenti a basso hcp.

Join the Forum discussion on this post